Presentazione del bando “Manager d’Area-Interventi di Marketing territoriale”

Il 22 aprile alle ore 18:00 ti aspettiamo alla III° Commissione della Circoscrizione 6, per la presentazione della seconda edizione del bando “Manager d’Area-Interventi di Marketing territoriale”, promosso dal Comitato Urban Barriera di Milano nell’ambito del percorso avviato nel 2013 con il progetto Manager d’Area, nato da un accordo tra la Città di Torino – Assessorato al Lavoro e la Camera di Commercio di Torino, 

Come nell’edizione precedente, i contributi erogati dal Bando serviranno a cofinanziare progetti di marketing territoriale proposti e sviluppati dai commercianti per la promozione delle proprie attività e del quartiere.  Nel post precedente o sul sito di Urban trovi le altre informazioni.
Ti ricordiamo che il bando è aperto fino al 29 maggio 2015: Affrettati!

L’appuntamento è il 22 aprile alle ore 18, presso la Circoscrizione 6 in Via San Benigno, 22.
Per informazioni puoi rivolgerti presso il Comitato Urban o presso i Bagni Pubblici di Via Agliè.

Torna in Barriera il bando Manager d’Area

Nuovi contributi ai commercianti per intraprendere percorsi di marketing territoriale

È aperta fino al 29 maggio 2015 la seconda edizione del bando “Manager d’Area-Interventi di Marketing territoriale”, promosso dal Comitato Urban Barriera di Milano nell’ambito del percorso avviato nel 2013 con il progetto Manager d’Area, nato da un accordo tra la Città di Torino – Assessorato al Lavoro e la Camera di Commercio di Torino.

Come nell’edizione precedente, i contributi erogati dal Bando serviranno a cofinanziare progetti di marketing territoriale proposti e sviluppati dai commercianti per la promozione delle proprie attività e del quartiere.

L’ammontare delle risorse disponibili è di 92.000 euro in totale; ogni progetto presentato potrà ricevere un contributo massimo di 25.000 euro.

Continua a leggere

MERCATO PRET-A-PORTER

mercatosmall3C’è anche chi ha colto l’occasione offerta dal primo bando di Manager d’Area per rifarsi il look. Stiamo parlando del mercato di Piazza Foroni, il terzo progetto co-finanziato all’interno del primo bando.  32 tra imprenditori dei mercati e proprietari dei negozi si sono uniti per dare vita a un intervento volto ad accrescere la visibilità e la fruibilità del mercato.

Al centro dell’intervento la vestizione dei banchi e delle vetrine delle attività commerciali che hanno aderito concretamente all’iniziativa.
q_mercato_foroni_08Un’azione ad alto impatto che conferma lo spirito innovativo del Mercato Piazza Foroni, ormai da anni all’avanguardia nella sperimentazione di nuove soluzioni: dal GAC, gruppo di acquisto collettivo, alla partecipazione costante a Fa Bene, iniziativa di solidarietà con attenzione alla sostenibilità e al green, passando per il servizio Guarda Spesa che consente di trasformare la spesa in una piacevole passeggiata tra i banchi del mercato.

La vestizione non si limita del resto ai banchi, i clienti delle attività commerciali di Foroni si saranno infatti accorti dei grembiuli e cappelli a tema, indossati dagli operatori, così come delle shopper su cui campeggia il logo lanciato ormai da alcuni anni.

q_mercato_foroni_12L’esperienza, non poteva essere altrimenti,  prosegue online. Il progetto ha infatti visto il lancio del nuovo sito web dedicato al mercato www.mercatopiazzaforoni.it. Un sito pieno di funzionalità e informazioni: dagli orari del mercato alle offerte dedicate ai clienti, sino alla presentazione dei servizi che da anni caratterizzano l’offerta di Foroni. Non poteva poi mancare la pagina facebook del mercato mercato , pagina che veleggia ormai verso il migliaio di Like!

 

Insomma, se non lo avete ancora fatto, correte a fare la spesa al Mercato Foroni!

 

Nessuna barriera per le famiglie con i bimbi

Il progetto “Barriera Family Friendly” nasce da una riunione effettuata con 5 commercianti di Corso Vercelli, che dopo aver partecipato ai corsi di formazione messi a disposizione da Brinc e Liberi tutti con l’aiuto del Comitato Urban nel biennio 2012/2013 propongono di creare un’area che vada incontro alle esigenze delle famiglie con bambini.Mascotte

I numeri parlano chiaro: la sesta circoscrizione e in particolare l’area di Barriera di Milano, sono la circoscrizione con il rapporto più alto tra dimensione e numero di bambini 0-5 anni. Un numero crescente di famiglie che oggi, trovano nei centri commerciali limitrofi la soluzione alle loro esigenze di shopping conveniente e di qualità unito ad intrattenimento e servizi primari.DSC_1277

I cinque valorosi imprenditori, oltre alla possibilità di aumentare il numero di servizi per le famiglie (baby parking/giochi a disposizione nei negozi/angolo offerte in vetrina) ragionano sulla possibilità di offrire un calendario continuo di animazione a basso costo all’interno delle attività commerciali e altre iniziative di divertimento.

Presentato con il patrocinio del Comune di Torino e della Circoscrizione 6 e con il sostegno della filiale locale di Banca Intesa San Paolo, il progetto Barriera Family Friendly è stato realizzato grazie al Cofinanziamento del Bando “Manager d’Area” di Urban Barriera. L’impegno economico potenziale per ogni impresa è contenuto ma  l’obiettivo è ambizioso:  arrivare a 20 partecipanti. Il risultato è straordinario: la partecipazione è ampia fra le attività che risiedono nel tratto tra Via Palestrina e Via Rondissone, oltre il 70% ovvero 28 commercianti aderiscono all’associazione. Inoltre  aderiscono al progetto, come partner istituzionali, sia Quercetti Giocattoli sia la filiale Intesa San Paolo di Piazza Crispi sia il Baby Parking Maga Magò di Via Belmonte. DSC_1290

Il progetto prevede la creazione di un Associazione di Promozione Sociale, “Ass. Barriera Family Friendly”, che aderiscono ad un codice etico comportamentale che tutela e rispetta i bambini e le loro famiglie.
Ogni impresa allestisce, con l’aiuto di Quercetti, un punto gioco all’interno del negozio e dei punti baby pit-stop (allattamento, cambio, scalda pappa e scalda biberon) a disposizione gratuita della clientela.
Inoltre, viene organizzato da ottobre a dicembre 2014 un calendario di micro-eventi gratuiti tutti i venerdì pomeriggio e sabato tutto il giorno con offerte commerciali tematiche dedicate alla famiglia e un accordo con il baby parking convenzionato di Via Belmonte.

Si scrive BON! Si legge BARRIERA OPEN NIGHT

Dopo numerosi progetti valutati a vantaggio del comparto ristorativo di Barriera di Milano ma non andati a buon fine per problemi legati alla partecipazione, è stato proposto il progetto di Piazza Crispi: ovvero creare un’offerta di somministrazione e ristorazione in modo da realizzare un polo gastronomico attrattivo capace di sviluppare economie di agglomerazione.

BON! foto 1
Presentato con il patrocinio del Comune di Torino e della Circoscrizione 6 e con il sostegno della filiale locale di Banca Intesa San Paolo, il progetto Bon! è stato realizzato grazie al Cofinanziamento del Bando “Manager d’Area” di Urban Barriera ed ha ricevuto immediata attenzione da parte di numerose attività del territorio di Barriera.
Nonostante il finanziamento richiesto per ciascuna attività fosse elevato, era infatti necessario coprire i costi di strumentazione (es. piastre, bollitori, frigoriferi portatili, etc.) e prodotti alimentari ad alto livello di deperibilità, il risultato finale è stato sorprendente: 10 attività hanno deciso di far partire il progetto BON! Animare settembre in Piazza Crispi con 4 fine settimana dedicati alla ristorazione e allo spettacolo, con la prima edizione di B.E.S.T. (Barriera Ever Show Talent).

BON! foto 2Questi i numeri di ciò che è stato realizzato:

  • Oltre 40 talenti, di Barriera e non, si sono esibiti sul palco di B.E.S.T.;
  • Oltre 5.000 panini mangiati (avevamo fame, sì…);
  • Oltre 2.000 litri di birra bevuti (avevamo anche sete…);
  • Oltre 7.000 passaggi sulle 7 serate.

 

 

 

BON! foto 3Per 7 sere Piazza Crispi si è trasformata da parcheggio abusivo a luogo di attrazione e coinvolgimento sociale e l’effetto immediato è stato il concreto ringraziamento da parte dei cittadini che hanno ricevuto gli operatori commerciali per aver reso più sicura la piazza.

 

 

Al via il bando “Manager d’area ‐ interventi di marketing territoriale”

Promosso dal Comitato Urban Barriera di Milano, il bando “Manager d’area ‐ interventi di marketing territoriale” rientra nel percorso di Manager d’Area, il progetto del Programma Urban Barriera di Milano sostenuto dalla Camera di Commercio di Torino e finalizzato a supportare le imprese nell’ideazione di azioni di marketing per la promozione del quartiere. I contributi erogati dal Bando serviranno infatti a cofinanziare I progetti di marketing territoriale proposti e sviluppati dai commercianti del territorio, anche grazie all’accompagnamento del team di Manager d’Area. Un’opportunità e una possibilità di investimento sulla propria impresa e sul territorio che, nonostante il periodo di crisi, punta a costruire un nuovo futuro per l’economia del quartiere e un rinnovato clima di dialogo e cooperazione tra le attività locali. Continua a leggere

Il caso del Grand Centre Granollers

Di seguito pubblichiamo il caso della città di Granollers, estratto da uno studio della Regione Toscana sui Centro Commerciali Naturali. Nato nel 1994, ancora oggi il Grande Centre continua ad essere operativo (http://www.grancentre.com) a organizzare eventi promozionali e a rappresentare oltre 300 attività commerciali di ogni genere merceologico che servono oltre 15.000 clienti fidelizzare ogni anno.

“Pur non essendo espressione di un approccio formalizzato, il caso spagnolo denominato Gran Centre Granollers risulta interessante sia per la sottostante concezione sistemica che per la sua potenziale replicabilità nel nostro contesto nazionale.
Granollers è una cittadina di 50.000 abitanti a 25 km da Barcellona. Si caratterizza per un denso tessuto associativo e per una fitta trama di piccole imprese commerciali ed artigiane espressione di una tradizione commerciale radicata risalente al Medioevo.
L’iniziativa, totalmente auto-gestita ed auto-finanziata da un gruppo di commercianti locali, prende corpo nel 1994 e si basa su tre pilastri: cittadinanza, cultura e commercio. Il rilancio commerciale, insomma, è perseguito anche tramite una strategia di sviluppo del senso di appartenenza alla comunità cittadina e di sostegno della cultura locale. L’obiettivo, sin dall’inizio, non è stato solo la difesa del piccolo commercio cittadino dalla concorrenza della GDO, ma il restituire ad esso il tradizionale ruolo di attore socio-politico nella comunità locale.
Lo strumento centrale alla base dell’iniziativa è rappresentato da una carta di fidelizzazione che, oltre agli sconti e alle promozioni offerte ai possessori, permette, tramite la collaborazione di due banche locali, la rateizzazione a tasso zero degli acquisti.
Se alla sua fondazione il Gran Centre Granollers contava 50 membri ed un budget di circa 10.000 euro, oggi i membri sono oltre 300, il budget annuo è di circa 300.000 euro e gli utilizzatori della carta sono 15.000.”

Fonte Sintesi Studio InnovaCom per CCN Toscani

20140419-175103.jpg